Pagine

venerdì 16 febbraio 2018

Il mais Ogm non è nocivo


Quattro ricercatori italiani scagionano il transgenico: incrociati i dati di oltre 6.000 articoli scientifici


Maggiormente produttivo. Ma soprattutto meno insidioso per la salute dell’uomo e dell’ambiente. Ha il valore di un’assoluzione in Cassazione, l’esito di una revisione di studi pubblicata da quattro ricercatori dell’Università e della Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa sulle colonne di «Scientific Reports», rivista del gruppo «Nature». Secondo gli scienziati, che hanno passato in rassegna 64 ricerche, «le conclusioni aiutano ad aumentare la fiducia nei confronti del cibo prodotto con piante geneticamente modificate». Un messaggio di elevato valore scientifico che giunge proprio dall’Italia, in cui la loro coltivazione è vietata: non l’importazione però. Discorso analogo riguarda la ricerca, in materia: osteggiata, per usare un eufemismo.  
Segue

mercoledì 27 dicembre 2017

E' deceduto il grande Chef Gualtiero Marchesi

Gualtiero Marchesi un grande della cucina italiana ed internazionale. Un grande quando rinunciò alle tre stelle Michelin rimandandole al mittente contestando il sistema di votazione della guida, e affermando di voler ricevere solo commenti e non punteggi ha permesso alla nostra cucina di spiccare il volo verso le vette mondiali, liberandola dal provincialismo. Riposa in pace

mercoledì 29 novembre 2017

SparkleDAY 2018, il 2 dicembre Roma Capitale delle bollicine



ROMA - Sono le più vendute ma anche le più amate nel mondo, rappresentando il meglio della produzione spumantistica nazionale. Sono le 300 etichette che SparkleDAY 2018 presenta a Roma sabato 2 dicembre, in occasione della decima edizione dell'appuntamento promosso dalla rivista Cucina & Vini e aperto a tutti, esperti e appassionati. Un grande banco d'assaggio che riunisce 70 aziende top provenienti da tutta la Penisola, compresi i principali distretti spumantistici e quelli emergenti, per celebrare questo autentico fenomeno del made in Italy enologico che, solo sul fronte delle esportazioni nel 2016 ha registrato un giro d'affari di 1,2 miliardi di euro per 450 milioni di bottiglie vendute.

Segue

venerdì 29 settembre 2017

L'aroma dei vini minacciato dagli incendi


Immagine correlata





Gli incendi boschivi rischiano di compromettere la qualità del vino prodotto nelle vicinanze, conferendogli un retrogusto di bruciato: la colpa è di un enzima della vite, che incorpora gli aromi della combustione negli zuccheri dell'uva, e del lievito della fermentazione, che digerisce gli zuccheri liberando nell'aria le molecole odorose incriminate. Lo hanno scoperto i ricercatori dell'Università tecnica di Monaco di Baviera, che su Journal of Agricultural and Food Chemistry indicano alcune possibili contromisure per fermare questi due 'boicottatori' molecolari.